In Bach We Trust Quartet

Continua la rassegna jazz al Black Inside con un quartetto d’eccezione.
Sabato 27 gennaio
– Mimmo Valente – sax
– Luca Pasqua – chitarra
– Alex Carreri – basso
– Maxx Furian – batteria
✨In Bach we trust Quartet
👉Descrizione artisti:
In Bach we trust Quartet – Il progetto nasce dall’ amicizia e la collaborazione tra il sassofonista Mimmo Valente e il chitarrista Luca Pasqua. Completano il gruppo due sideman di eccezione come Alex Carreri al basso e Maxx Furian alla batteria. Il programma si compone tutto di brani originali che gravitano intorno al mondo del Jazz, con brani in stile Hard Bop, Latin, Ballad e qualche sonorità Funk. Molti di questi brani sono presenti nel cd ”In Bach we Trust“ che uscirà a gennaio 2024 e verrà presentato durante la serata.
Su tutte le piattaforme digitali si può già ascoltare il singolo omonimo.
https://www.youtube.com/watch?v=8bDMMhmEjmQ
—————————————————————
Apertura porte: ore 21,00
Inizio concerto: ore 21,30
Biglietto: 10 euro
👉Ingresso riservato ai soci CSEN
‼️Non hai la tessera CSEN? Risparmia tempo e compila qui la tua adesione 👉 https://gestionale.asso360.it/OTkyNQ==/soci/iscriviti
#jazz #musicajazz #funk #hardbop

The Ramblin Trio

The Ramblin Trio (cs)

Il trio, che si inserisce nel solco delle esperienze bassless (Paul Motian trio citato nell’esecuzione di una potentissima “One time out”), è composto dal celebre tenorista Daniele Cavallanti, da Alberto N. A. Turra alla chitarra/fx e Marco Cavani alla batteria, e ha il chiaro intento di, nella maggior parte delle songs, liberare la forma alla ricerca di un dialogo tra le parti che, vista l’anagrafica (Cavallanti classe ‘52, Turra ‘75, Cavani 74) potrebbe dirsi generazionale. L’estetica del trio spazia (ir)responsabilmente dalla musica di Ornette Coleman a quella di Paul Motian surfando senza timore di incongruenza (viste le ascendenze avant-jazz-rock di Turra e Cavani) alla Angel di Hendrix e agli altri brani originali che nella scrittura evidentemente provengono da quei territori fine ‘80 primi ‘90 in cui ha avuto origine nel jazz la grande e provvidenziale onda del crossing over.